Il jinn femmina Albastı, che perseguita donne, bambini e cavalli

Albastı, un elemento della credenza turca nei jinn, è una creatura femminile soprannaturale che perseguita donne, bambini e cavalli. È conosciuta anche come Albastı, Albıs, Al Karısı, Al Anası, Al Kızı o semplicemente Al.

Il jinn femmina Albastı, che perseguita donne, bambini e cavalli
Il jinn femmina Albastı, che perseguita donne, bambini e cavalli

È conosciuta anche come Albastı, Albıs, Al Karısı, Al Anası, Al Kızı o semplicemente Al. Albastı, una figura della credenza turca dei jinn, è rappresentata come una creatura femminile soprannaturale. In particolare, perseguita le donne in stato di gravidanza e può provocare la malaria puerperale, causandone la morte. Questa malattia viene spesso chiamata al bastı, che significa “il tormento di Al”. In turco, la parola “Al” significa rosso ed è anche associata al significato di inganno.

Albasma o febbre puerperale

L’albasma è una malattia nervosa, un’angoscia soffocante o un’epilessia che si ritiene sia causata dall’Al Karısı. È chiamata anche febbre puerperale ed è una malattia che si manifesta con febbre alta e si verifica a causa della mancanza di attenzione alla pulizia. A seconda degli effetti citati, può anche causare svenimenti e uno stato di paura. Quando la donna incinta inizia a perdere sangue, inizia a vedere esseri diversi. La cosa che teme di più le si presenta davanti agli occhi. Di conseguenza, a volte sviene. In quel momento, l’Al Karısı si inginocchia sul petto della donna incinta e le impedisce di respirare. La donna incinta non può mangiare o bere e il suo respiro diventa corto. Per ovviare a questa situazione, la donna viene portata al Focolare di Al. Questo luogo è solitamente un luogo sacro o la tomba di un santo.

Albastı ruba cavalli e intreccia le loro criniere

Albastı controlla anche i cavalli. Si ritiene che li rubi dalle stalle di notte per cavalcarli fino all’alba. I proprietari dei cavalli se ne accorgono quando li ritrovano al mattino, coperti di sudore e con la criniera intrecciata.

Albastı ha paura dei maschi, del ferro e degli spari

Si ritiene che i maschi adulti possano catturare Albastı per servirli. In questo modo, ottenendo il potere del “focolare (casa) di Al”, ottengono il potere di salvare dalla malattia diffusa da questa creatura maligna. La presenza di maschi nell’ambiente, la conservazione di oggetti di ferro nella dispensa e il consumo di bevande di colore rosso sono i mezzi principali utilizzati dalle donne in procinto di partorire per proteggersi dal male di Albastı. Si ritiene inoltre che Albastı si spaventi al suono di un fucile e scappi via. Per questo motivo, quando ci si rende conto che la puerpera è tormentata da Albastı, si spara un colpo di fucile in aria.

Regioni in cui la credenza di Albastı è comune

Credenze e storie diffuse sull’Albastı si trovano in molte parti della Turchia, oltre che nel Caucaso, in Iran e nei paesi dell’Asia centrale di lingua turca. Spesso ci si riferisce ad Albastı o Al Anası, il cui significato può essere spiegato solo in turco. A prescindere dalle epopee e dalle esperienze sull’origine di questa creatura soprannaturale, ovunque la si incontri con questo nome, si presume che sia basata sulle narrazioni prodotte dalle comunità di lingua turca.

È passato anche nella lingua adyghe sotto forma di “Kulbastı”. Albastı e Kulbastı ricordano anche Aleybanı (Alyabani) e Kuleybanı (Gulyabani), i cui nomi sono di origine persiana. Si trova anche nelle lingue Udmurt e Mari come Alvasta e Alvastı.

Segui su Google News

Keşfet

Yorum Yap