Donne misteriose invisibili nelle telecamere di sicurezza

Attività paranormale – Heybet Y. racconta il suo orribile ricordo paranormale di donne misteriose che hanno fatto visita a un paziente durante il suo turno di notte nel reparto di terapia intensiva.

Attività paranormale – Sono un anestesista. Ho lavorato nel reparto di terapia intensiva per 14-15 anni. L’evento che sto per raccontare è accaduto nel 2014 quando lavoravo nel reparto di terapia intensiva di un ospedale privato di Izmir. Avevamo una paziente che veniva da Diyarbakir. Il suo nome era Sabiha F… Era in ospedale a causa di una diagnosi di CRF e CHF. Aveva 74 anni. Poiché non c’era posto nell’unità di terapia intensiva generale, era ricoverata nel reparto CVC (Terapia Intensiva Chirurgica Cardiovascolare).

Donne misteriose che visitano di notte

Il nostro reparto di terapia intensiva CVC aveva 3 letti. Ero di turno di notte. La mia unica paziente era la signorina Sabiha. La linea del reparto di terapia intensiva squillò alle 02:45 del mattino. A chiamare era il supervisore notturno. Mi disse: “Heybet, stanno arrivando due donne. Accoglile. Lascia che visitino la loro zia Sabiha”. Gli ho risposto: “L’infermiera non si lamenterà domattina? È vietato accettare visite a quest’ora”. Lui rispose: “È tutta colpa mia”.

Tuttavia, il campanello suonò, così andai ad aprire la porta. Alla porta c’erano due donne sui 20 anni. Quando le vidi, mi dimenticai di parlare. Erano così belle che non posso descriverle. Le ho aiutate a indossare un grembiule e una cuffietta, ma non parlavano affatto. Ho detto loro “Entrate” e sono entrate. Si sono avvicinate al paziente. Non parlavano più, ma era come se comunicassero con gli occhi. Nello stesso momento, il supervisore notturno è entrato e si è seduto accanto a me.

Io li stavo ancora guardando. Ho detto all’uomo accanto a me: “Fratello, che belle due donne”. Una delle donne mi guardò e sorrise. Poi una delle donne prese qualcosa intorno al petto e lo mise in bocca al paziente. All’improvviso mi alzai in piedi e gridai: “Cosa state facendo?”. Entrambe hanno iniziato a urlare e credo che fossero spaventate. Il supervisore notturno si è arrabbiato e mi ha detto: “Lasciale stare!”. Io ho risposto: “Fratello, non vedi? Le hanno infilato qualcosa in bocca!”. Lui rispose: “Non preoccuparti”.

Le donne se ne andarono e io ero curioso. Andai ad aprire la bocca della signora Sabiha. Vidi tre fili di capelli nella sua bocca. Li presi e li gettai via. Le chiesi: “Chi erano? Le conosci?”. Lei rispose: “Chi? Non ho visto nessuno”. Le ho detto: “Sei sicura? Due donne sono venute accanto a te un minuto fa”. Lei ha risposto: “No, figlio mio, non è venuto nessuno” e questo mi ha messo sotto pressione.

Ho chiamato una delle infermiere di un altro piano e le ho detto che avrei fatto una pausa di 10 minuti. Sono uscito e ho iniziato a fumare davanti all’ingresso dell’unità di emergenza. Nel frattempo è arrivato il supervisore notturno. Gli dissi: “Fratello, mi hai messo in difficoltà questa notte”. Lui rispose: “Heybet, di cosa stai parlando? Non capisco”. Gli ho detto: “Fratello, hai mandato due donne al CVC come parenti del paziente, mi hai detto di accoglierle e poi mi hai fatto visita…”.

Lui rispose: “No, non sono venuto a mandare nessuno da te. Di cosa stai parlando?” Io dissi: “Fratello, mi hai chiamato e mi hai detto: ‘Due donne verranno a farti visita, falle entrare’. E poi sei venuto a sederti accanto a me…”. Si stava davvero arrabbiando mentre parlavo. Disse: “Sto dormendo nella stanza del dottore nell’unità di emergenza per tre ore. Di cosa stai parlando? Non ha alcun senso”. Ho detto: “Ok, fratello, non importa” e sono tornato indietro.

Le donne non erano presenti nei filmati delle telecamere di sicurezza

Entrai nel reparto di terapia intensiva e mi sedetti. Stavo per arrabbiarmi. Poi è arrivato di nuovo il supervisore notturno. Mi disse: “Heybet, cosa è appena successo? Dimmi”. Gli ho raccontato l’accaduto e lui mi ha detto: “Vieni, controlliamo il filmato della telecamera di sicurezza”.

Abbiamo chiamato la sicurezza e siamo andati nella stanza. Controlliamo il filmato. Mi vedo aiutare qualcuno a indossare il grembiule e persino ad allacciarlo, ma le due donne non erano sullo schermo. Sembra che stia facendo tutto da sola. Dopo 5 minuti di riprese, la porta si apre da sola. Ho detto: “Guardate, state entrando nell’unità, ma siete invisibili in questo momento”…

In ogni caso, il mio turno è terminato al mattino, ma non sono andato a casa mia. A mezzogiorno vengono accolti i parenti dei pazienti. Li ho aspettati, soprattutto i parenti della signora Sabiha. A mezzogiorno sono arrivati i suoi parenti, suo figlio e il suo coniuge. Ho parlato con loro prima che entrassero e ho raccontato l’accaduto. Due di loro si sono messi a ridere e hanno detto: “Non è la prima volta. Ci hanno provato un sacco di volte prima di Heybet”. Ho risposto: “Come? Fratello, non ho capito”.

Incantesimo, amuleto, infestazione…

Disse: “Mia madre ha terreni e campi nel villaggio. La mia matrigna sta cercando in tutti i modi di ottenere questi terreni e campi. Incantesimi, amuleti, stregonerie, ha provato tutto il lavoro sporco. Questo dovrebbe essere uno di loro. Tuttavia, grazie a Dio, ci siamo liberati di tutti loro! Non aver paura, abituati”.

Gli dissi: “Come posso abituarmi a questo? Non posso occuparmi di queste cose mentre lavoro!”. Andammo dal primario con il supervisore notturno e spiegammo la situazione. La trasferirono in un altro ospedale…

Questo è ciò che ho vissuto, amici miei.

Home Page * Esperienze paranormali * Segui su Google News

Keşfet

Leave a Reply