Dichiarazione di Guerra delle Streghe di Evliya Çelebi

Durante il viaggio in Bulgaria, Evliya Çelebi è stato testimone di uno degli incidenti più sorprendenti della sua vita nel villaggio di Pedsi, dove vivono circassi e abkhazi: Una guerra di streghe che avviene nel cielo! La lotta senza quartiere tra le streghe circasse e le streghe abkha…

Streghe circasse contro le streghe di Abkhasian

Evliya Çelebi [1]Evliya Çelebi: -25 marzo 1611 / 1682- Fu un esploratore ottomano che viaggiò attraverso il territorio dell’Impero Ottomano e le terre vicine per un periodo di quarant’anni, registrando … Continue reading ha spiegato di essere stato testimone della guerra delle streghe nel cielo la 20esima notte del 1076 Hijri Shawwal presso il villaggio di Pedsi da parte della popolazione di 300 persone del regno circasso di Hatukay. Secondo gli scritti di Çelebi, l’evento insondabile si svolse nel modo seguente: Improvvisamente i temporali iniziarono a squarciare il cielo come una sciagura in una notte buia.

Il cielo è abbastanza luminoso per le donne circasse che ricamano. Evliya Çelebi, che vede la magnifica situazione in atto, chiede ai circassi circostanti: “In verità, la notte di Karakoncolos si verifica una volta all’anno. Il popolo dei voraci circassi (streghe) e il popolo vorace di Abkhasian sorvolano il cielo e si verifica la tenacia della guerra. “Poi è stato consigliato di uscire e di godersi la tenacia della guerra senza temere. Insieme a Çelebi e a settanta-ottanta persone, uscirono per meravigliarsi della guerra delle streghe circasse con grandi alberi, stuoie, ruote di auto e altri oggetti simili, con le carcasse di cavalli, bovini, cammelli e serpenti delle streghe di Abkhasian nelle loro mani.

C’era un gran rumore che assordava le orecchie in questa battaglia che durò sei ore. Dall’aria, piovevano pezzi di stuoia, pali, cubi, barche, porte, ruote di auto e infine arti di cavalli, umani e altri animali. Sette voraci abkhaiti si sono affrontati con sette circassiani e, dopo la caduta, le streghe circassiane hanno succhiato il sangue di due streghe abkhaiti, le hanno uccise e hanno gettato i loro cadaveri nel fuoco. Dopo la guerra che si concluse con il canto dei galli, le persone malvagie scomparvero.

La notte di Karakoncolos

Evliya Çelebi ha dichiarato che questo tipo di storie sono molto ‘blasfeme’ e che lui e gli altri amici sono rimasti meravigliati da questo evento e non sono mai stati terrorizzati in questo modo in una Notte di Karakoncolos da 40-50 anni.

Streghe che succhiano il sangue delle persone

Evliya Çelebi, secondo le dichiarazioni, ha affermato che in questo regno delle notti di Karakancolos, c’erano streghe che apparivano e succhiavano il sangue delle persone. Secondo le persone, in alcune notti, le streghe succhiavano il sangue delle persone che possedevano e le facevano ammalare. Se la vittima non ha parenti, si ammala e muore. Se la vittima ha dei parenti, i parenti del paziente e una strega cercano la tomba della strega che è uscita dalla sua tomba.

Quando la tomba viene trovata, viene identificato il cadavere della strega con gli occhi sporgenti per succhiare il sangue della vittima. In questo caso, la strega viene immediatamente rimossa dalla tomba e le viene conficcata nel petto una lunga macchia di mora. Il cadavere della strega viene bruciato nel fuoco, in modo che un’altra strega non possa possedere il cadavere di questa strega. In questo modo, la stregoneria della strega viene interrotta e la salute della vittima recupera rapidamente.

Strega Maestra

Sempre secondo le dichiarazioni di Evliya Çelebi, ci sono streghe in questi regni che si aggirano tra le persone, ma non sono conosciute. Ma quando arriva il momento e si infuria, succhia il sangue dall’orecchio di qualcuno da dietro. L’uomo si ammala gradualmente. Immediatamente i parenti trovano un maestro di streghe e vagano villaggio per villaggio, città per città e trovano la strega che succhia il sangue con gli occhi sporgenti e la incatenano.

Quando la strega viene incatenata per tre giorni e tre notti e confessa le sue stregonerie, viene immediatamente fatta sdraiare e le viene conficcato un chiodo di mora nel petto. Quando il sangue viene versato e versato sul viso e sugli occhi della vittima, questa si riprende immediatamente. Anche la moglie della strega viene gettata nel fuoco e bruciata. Questa stregoneria è peggiore della peste ed è abbastanza comune in Moscovia, nelle regioni polacche e ceche…

Segui su Google News

References

References
1 Evliya Çelebi: -25 marzo 1611 / 1682- Fu un esploratore ottomano che viaggiò attraverso il territorio dell’Impero Ottomano e le terre vicine per un periodo di quarant’anni, registrando i suoi commenti in un diario di viaggio chiamato Seyâhatnâme -Libro di viaggio- Il nome Çelebi è un titolo onorifico che significa gentiluomo o uomo di Dio.
Keşfet

Leave a Reply